30 giugno 2007: TechnéDonne chiude!


Grazie di tutto e alla prossima volta!
 
Home
Assistenza tecnica
Laboratorio
Magazine
Formazione
Osservatorio
Strumenti
E-wit
Home
TechnéDonne - Donne nelle tecnologie e tecnologie delle donne
TechnéDonne Az. 2 - In. Com. EQUAL II fase – cod. PS IT-G2-EMI-040 – Rif. PA 2004-0356/Rer - Approvato con Delibera RER n. 903 del 13/06/2005


TechnéDonne, progetto finanziato nell’ambito dell’Iniziativa Comunitaria Equal, intende contrastare la segregazione professionale femminile nell’ambito delle Tecnologie dell’Informazione e Comunicazione (TIC), affrontando in maniera innovativa il tema del gender digital divide.

Il progetto si basa sul presupposto che le tecnologie non sono neutre, ma sono pervase da specifici modelli, interessi e punti di vista in grado di distribuire le risorse ed il potere in modo diseguale; il sapere tecnologico si è sviluppato sull’immagine e sul simbolico maschile proponendosi come oggettivo, slegato dai valori umani e sociali.

In una società dove il digital divide si combatte quasi esclusivamente “offrendo” più computer ed accessi ad Internet più veloci, l’uguaglianza nell’accesso alle nuove tecnologie non implica uguaglianza nelle opportunità. La parità sostanziale non si raggiunge aumentando il numero di donne coinvolte nello sviluppo tecnologico se le donne non riescono anche a vincere la tendenza ad uniformarsi alla cultura dominante del settore e a far valere ed avvalorare la propria soggettività. Partendo dal presupposto che “la capacità è un concetto esigente” (Martha Nussbaum) e che, quindi, richiede che siano predisposte le condizioni per il suo sviluppo e per la sua messa in pratica, è compito del progetto fornire le necessarie risorse aggiuntive e rimuovere nel contempo gli ostacoli socialmente strutturati.

Il problema di genere appare come parte di un circolo vizioso secondo il quale senza la comprensione delle potenzialità delle donne non è possibile un vero sviluppo e senza un vero sviluppo non è possibile comprendere ed integrare pienamente le potenzialità delle donne. L’approccio delle donne alle nuove tecnologie può apportare una diversa prospettiva che può rivelarsi determinante per risvegliare la coscienza critica di uomini e donne, "proponendo nuovi percorsi e adottando nuovi linguaggi centrati sulle relazioni umane, sulla qualità della vita e sulla critica all’innovazione a tutti i costi".

Pertanto, TechnéDonne si propone di verificare che cosa le donne siano in grado di fare in campo tecnologico, quanto le loro competenze siano riconosciute / valorizzate e quanto siano libere di scegliere la propria vita professionale nella concretezza delle loro condizioni particolari. A tal fine, il progetto intende realizzare:
Laboratorio
...per valorizzare le competenze femminili sia tecniche sia personali. Il laboratorio è un luogo fisico (help-desk) in cui si facilita l’accesso a servizi e strumenti tecnologici, si offre informazione tecnica, si costituisce la redazione del portale di progetto, si promuove la costituzione di un gruppo di lavoro per progettare il software.
Azioni desegreganti nelle imprese
...per fare emergere e riconoscere le competenze delle donne in settori a forte assetto tecnologico, e individuare, con l'analisi aziendale dei fabbisogni e dei percorsi lavorativi, le linee d'azione per ridurre la segregazione verticale e valorizzare la visione delle donne nell'innovazione e nello sviluppo delle ITC.
Formazione e modellizzazione
...per creare profili tecnici con competenze di genere. Il progetto prevede un corso per Assistente tecnica in front office nelle ICT; pratiche di mentoring e tutoring con azioni di accompagnamento al mercato, al fine di facilitare l'inserimento delle donne nelle aziende ICT con ruoli e mansioni adeguati alla formazione ricevuta; modellizzazione ed eventuale sperimentazione di tirocini formativi volti alla creazione di percorsi desegreganti delle giovani tirocinanti nelle imprese.
Azioni di consapevolezza, dialogo e confronto (mainstreaming di genere)
...per facilitare l'acquisizione da parte di uomini e donne di consapevolezza delle discriminazioni di genere in campo tecnologico e della non neutralità di genere delle tecnologie medesime. Tali azioni sono volte ad incentivare la partecipazione ed un uso critico e consapevole delle nuove tecnologie da parte delle giovani ed a assecondare il confronto tra uomini e donne.